Il contesto

Il_contesto

E’ senz’altro vero che questo romanzo non è all’altezza dei più conosciuti A ciascuno il suo, Il giorno della civetta o Una storia semplice, ma Sciascia è sempre Sciascia e anche questo è un romanzo che vale la pena leggere.
Possiamo definirlo un romanzo giallo, ma l’intento è sempre quello di denunciare il potere mafioso, o, per dirlo con le parole dell’autore, quel potere “che sempre più digrada nella impenetrabile forma di una concatenazione che approssimativamente possiamo dire mafiosa”.

Il contesto
di Leonardo Sciascia
ed. Adelphi

Il ballo

il_ballo

Mi credete se vi dico che questo libro l’ho scovato dal parrucchiere? Ebbene sì, oltre alle solite riviste c’è anche una piccola bioblioteca a disposizione delle clienti.
Il ballo è un romanzo breve scritto senza fronzoli, essenziale. Racconta la vendetta di una figlia quattordicenne nei confronti della madre, una vendetta non premeditata, ma smisurata come solo l’adolescenza può concepire. Questo avviene in un contesto di grande ipocrisia sociale dove la ricchezza improvvisa porta a comportamenti goffi e ridicoli.
Un testo originale e sferzante.

Il ballo
di Irène Némirovsky
ed. Adelphi

Tre camere a Manhattan

E’ un Simenon che non ti aspetti, forse perchè lo si associa al suo famosissimo Maigret, forse per un pregiudizio, tanto sta che questo libro sorprende.
Scritto nel 1946 “a caldo”, per stessa ammissione dello scrittore, è un romanzo sulla passione. Un uomo e una donna si incontrano per caso una notte in un bar a New York, poi escono e camminano, entrano in un altro bar, ne escono e continuano a camminare per tutta la notte. Non sanno nulla l’uno dell’altra.
La voce narrante è quella maschile e descrive lo svolgersi della relazione attraverso il suo sentire.
E’ un romanzo che dice la verità, per questo è ancora così intenso dopo sessantasei anni.

Parole in prestito: “Anzi, non erano neanche più un uomo e una donna. Erano solo due creature, due creature che avevano bisogno l’una dell’altra.”

Tre camere a Manhattan
di Georges Simenon
ed. Adelphi